Informazioni sulla regolamentazione

Politica di gestione dei conflitti di interesse

Nel quadro della direttiva europea degli strumenti finanziari sui mercati (MiFID), entrata in vigore il 1° novembre 2007, Montpensier Finance ha stabilito e mantiene una politica operativa per la gestione dei conflitti di interesse.

L’obiettivo di questa politica è quello d’individuare le situazioni che danno o possono dare luogo a un conflitto d’interesse che comporta un rischio significativo di danno per uno o più clienti, e di definire le procedure da seguire e le misure da adottare per gestire tali conflitti, nell’ambito delle attività e dei servizi seguenti:

– Attività di gestione :

  • Gestione di OICVM ai sensi della direttiva OICVM ;
  • Gestione delle FIA ai sensi della direttiva AIFM ;
  • Gestione di portafoglio per conto terzi ai sensi della MiFID ;

– Altre attività o servizi (commercializzazione di OICVM/FIA gestiti da un altro gestore, consulenza in materia di investimenti, mandati di arbitrato nell’ambito di contratti di assicurazione vita unit-linked).

Dal mese di agosto 2020, Montpensier Finance è controllata al 75% dal suo management e al 25% da Amundi Asset Management. Montpensier Finance rimane autonoma nella sua gestione finanziaria; non vi è alcuna interferenza di Amundi nella gestione dei veicoli di Montpensier Finance. Le situazioni di conflitto di interessi che possono derivare dalla struttura e dalle attività professionali degli altri membri del gruppo (articolo 321-48 RGAMF) sono quindi molto limitate.

Dispositivo per l’identificazione e l’individuazione di situazioni di potenziale conflitto di interessi :

Montpensier Finance adotta tutte le misure ragionevoli per individuare le situazioni di conflitto d’interessi che possono esistere tra essa, i soggetti interessati o qualsiasi persona direttamente o indirettamente legata alla società da un rapporto di controllo, da un lato, e i suoi clienti o gli OIC, dall’altro, o tra due OIC o due clienti della società.

Al fine d’individuare i tipi di conflitti di interesse che possono ledere gli interessi di un cliente, Montpensier Finance tiene conto, come criterio minimo e in modo non esaustivo, dei casi in cui la società di gestione o la persona interessata dal conflitto di interesse :

  • Realizza un guadagno finanziario o che evita una perdita finanziaria a spese del cliente;
  • Ha un interesse nel risultato di un servizio fornito al cliente o di una transazione effettuata per conto del cliente, diverso dall’interesse del cliente;
  • Ha un incentivo, per ragioni finanziarie o di altro tipo, a favorire gli interessi di un altro cliente o gruppo di clienti rispetto agli interessi del cliente a cui viene fornito il servizio;
  • Esercita la stessa attività professionale del cliente;
  • Riceve o riceverà da una persona diversa dal cliente un beneficio in relazione al servizio fornito al cliente, in qualsiasi forma, diversa dalla commissione o dalla tariffa normalmente addebitata per quel servizio.

Montpensier Finance deve identificare tutte le entità e le persone che possono essere interessate da una situazione di potenziale conflitto di interessi ed elencare le aree di potenziale conflitto d’interessi.

A tal fine, Montpensier Finance ha elaborato una mappatura delle situazioni di potenziale conflitto d’interessi, che individua le situazioni suscettibili di generare conflitti d’interesse in considerazione delle sue dimensioni, della sua organizzazione, della natura, dell’importanza e della complessità della sua attività, e definisce le linee generali delle procedure attuate dalla società per prevenire, sorvegliare e gestire tali conflitti di interesse.

La mappatura dei rischi di conflitto di interessi comprende i seguenti argomenti:

  •  Le caratteristiche della struttura di Montpensier Finance e le attività svolte, che riducono il rischio di insorgenza di conflitti di interesse;
  •  L’indipendenza della gestione per conto di terzi rispetto alla gestione per conto proprio;
  •  La supervisione delle transazioni proprietarie da parte di impiegati e dirigenti;
  •  framework per gli investimenti dei mandati e degli OICR gestiti da Montpensier Finance in altri OICR gestiti da Montpensier Finance;
  •  Disposizioni relative alla gestione da parte dello stesso gestore di OICR e mandati;
  •  Le disposizioni specifiche relative ai meccanismi di swing pricing / gates;
  •  Indipendenza nell’esercizio del diritto di voto;
  •  Disposizioni relative ad eventuali incompatibilità tra funzioni/mandati esercitati al di fuori di Montpensier Finance;
  •  Il trattamento delle informazioni privilegiate;
  •  Disposizioni relative ai benefici ricevuti e alla remunerazione del personale e della società di gestione;
  •  Disposizioni relative al trattamento degli ordini (immissione di ordini, preassegnazione, esecuzioni parziali, ecc;)
  •  Disposizioni speciali relative alla comunicazione di informazioni sulla composizione del patrimonio degli OICR;
  •  Legami con terzi: relazioni con fornitori di servizi che possono dar luogo a conflitti d’interesse, ecc.

La mappatura dei rischi di conflitto d’interesse viene aggiornata regolarmente. Inoltre, la valutazione del rischio di conflitto di interesse viene effettuata sistematicamente ogni volta che un prodotto , un attività o un servizi. viene creato o modificato.

Inoltre, Montpensier Finance tiene e aggiorna regolarmente un registro con le attività o i servizi per i quali si è verificato o è probabile che si verifichi un conflitto d’interesse che comporta un rischio significativo di danno agli interessi di uno o più clienti.

Dispositivo per la prevenzione di situazioni di potenziale conflitto di interessi :

Montpensier Finance ha sempre attribuito grande importanza e ha sempre prestato la più grande attenzione alle regole di deontologia. I dipendenti ricevono regolarmente una formazione a questo proposito.

Montpensier Finance s’impegna a svolgere le sue attività con discrezione, lealtà, diligenza e correttezza, rispettando gli interessi dei suoi clienti al di sopra dei propri o dei suoi dipendenti. Particolare attenzione sarà prestata alla prevenzione dei conflitti d’interesse e, in tale caso, alla loro equa risoluzione nell’interesse supremo dei clienti.

Montpensier Finance si preoccuperà di mantenere la parità di trattamento tra i suoi clienti, così come tra i portafogli gestiti e i detentori di quote e azioni di OIC.

Il principio di riservatezza è al centro dell’attività di Montpensier Finance. Montpensier Finance s’impegna a realizzare e mantenere un’organizzazione che dia priorità agli interessi dei suoi clienti.

Montpensier Finance s’impegna a non utilizzare informazioni privilegiate per proprio conto o per conto di terzi.

L’obiettivo principale di ogni gestore deve essere quello di difendere gli interessi dei propri clienti, rispettando le politiche di gestione e controllo dei rischi definiti da Montpensier Finance e, nell’ambito di un mandato, del tipo di mandato scelto dal cliente.

Al fine di garantire il corretto funzionamento delle barriere, le informazioni riservate non devono essere divulgate ad altri dipendenti di Montpensier Finance senza una valida giustificazione professionale.

In ogni caso, i dipendenti devono astenersi dall’utilizzare informazioni privilegiate di cui possano essere venuti a conoscenza.

Qualsiasi dipendente in possesso d’informazioni privilegiate riguardanti una società deve astenersi dal negoziare i titoli in questione. Come regola generale, egli deve astenersi da qualsiasi comportamento sui mercati che possa essere interpretato come insider trading.

Il Codice Etico di Montpensier Finance comprende anche i principi relativi alla prevenzione e alla gestione dei conflitti di interesse.

Procedure e azioni da intraprendere per gestire i conflitti :

Montpensier Finance attua una procedura in funzione di ogni singolo caso, al fine di eliminare o controllare i potenziali conflitti di interesse.

Tali procedure hanno lo scopo di garantire che le persone interessate impegnate nelle varie attività che comportano un potenziale conflitto di interessi svolgano tali attività con un grado di indipendenza adeguato alle dimensioni e alle attività di Montpensier Finance e all’entità del rischio di danno per i clienti. Tali procedure comprendono pertanto le varie misure di prevenzione dei conflitti di interesse.

Così, Montpensier Finance ha messo in atto procedure volte in particolare a garantire l’autonomia delle attività di gestione, l’indipendenza tra la gestione per conto proprio e la gestione per conto terzi, e a vigilare sulla selezione dei propri fornitori di servizi, sulle operazioni personali effettuate dai dipendenti, sull’assegnazione degli ordini e sul controllo delle informazioni privilegiate.

Se dovesse sorgere un conflitto di interessi non identificato, Montpensier Finance adotterebbe tutte le misure appropriate nell’interesse dei suoi clienti. In questo contesto, i dipendenti che vengono a conoscenza di una situazione di conflitto di interessi devono informare immediatamente l’RCCI, che decide se la situazione deve essere registrata come potenziale conflitto di interessi nella mappatura, se non è già stata identificata, e se devono essere messe in atto le necessarie misure di gestione.

Informazioni per i clienti :

La politica di gestione dei conflitti d’interesse è disponibile sul sito web di Montpensier Finance.

Inoltre, se un potenziale conflitto d’interessi si manifestasse e potesse quindi essere pregiudizievole per un cliente, Montpensier Finance informerà il cliente per iscritto e il più presto possibile. La comunicazione indicherebbe quindi chiaramente

  • Che le disposizioni organizzative e amministrative adottate da Montpensier Finance per prevenire o gestire questo conflitto non sono sufficienti a garantire, con ragionevole certezza, che il rischio di danni agli interessi del cliente sarà evitato ;
  • Una descrizione specifica del conflitto di interessi che sorge in relazione alla prestazione di servizi di investimento e/o accessori, tenendo conto della natura del cliente destinatario della comunicazione ;
  • La natura generale e le fonti del conflitto di interesse, nonché i rischi sostenuti dal cliente a seguito del conflitto di interesse e le misure adottate per attenuare tali rischi, in modo sufficientemente dettagliato da consentire al cliente di decidere con cognizione di causa in merito al servizio di investimento o accessorio nel cui contesto sorge il conflitto di interesse.

Politica per la selezione degli Intermediari Contrattuali

In conformità alla normativa in vigore derivante dal recepimento della direttiva 2004/39/CE del 21 aprile 2004 relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID), nell’ambito del suo dovere di agire nel migliore interesse dei suoi clienti e degli OIC che gestisce, Montpensier Finance ha attuato una politica di selezione degli intermediari di mercato.

Principi generali

Montpensier Finance ha affidato la trasmissione degli ordini per la sua attività di gestione patrimoniale ad Amundi Intermédiation, che ritiene stia adottando tutte le misure ragionevoli per ottenere il miglior risultato possibile.

Amundi Intermédiation è stata approvata dal Comité des Établissements de Crédit et des Entreprises d’Investissement (CECEI) come impresa d’investimento per fornire servizi d’investimento di Ricezione Trasmissione di Ordini per conto terzi per la maggior parte degli strumenti finanziari di cui all’articolo L. 211-1 del Codice monetario e finanziario francese .

La selezione dei broker di esecuzione è effettuata di comune accordo tra Amundi Intermédiation e Montpensier Finance e risulta dall’applicazione della politica di selezione di Amundi Intermédiation.

Inoltre, Montpensier Finance ha istituito una procedura di selezione delle controparti e degli intermediari in base alle sue esigenze in termini di “supporto alle decisioni di investimento”.

Luoghi di esecuzione

Nell’eseguire gli ordini di Montpensier Finance, Amundi Intermédiation può utilizzare la propria politica di esecuzione, concordata con le controparti di mercato, per accedere a qualsiasi sede di negoziazione in grado di fornire la migliore esecuzione degli ordini. Gli ordini sono diretti o ai mercati regolamentati di riferimento, ai Multilateral Trading Facilities o agli internalizzatori, a seconda delle migliori condizioni di esecuzione offerte da questi diversi mercati.

In generale, si specifica che gli ordini, qualunque sia il loro canale di trasmissione, possono essere eseguiti al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. A seconda della politica di esecuzione degli ordini adottata da ciascun intermediario e nel rispetto del proprio obbligo di best execution, gli ordini possono essere eseguiti sui mercati regolamentati, sui mercati organizzati che operano regolarmente, sui sistemi multilaterali di negoziazione o sugli internalizzatori sistematici.

Clienti interessati

Questa politica di selezione è stabilita a favore degli OIC gestiti da Montpensier Finance e dei clienti professionali e non professionali di Montpensier Finance.

Per i clienti non professionali, il criterio determinante è il criterio del costo totale. Questo è il prezzo dello strumento finanziario negoziato più i costi di esecuzione, che includono :

  • tutte le spese sostenute dal cliente e direttamente connesse all’esecuzione dell’ordine, compresi i costi specifici del luogo di esecuzione, i costi di compensazione e di regolamento,
  • tutti gli altri costi che possono essere pagati a terzi coinvolti nell’esecuzione dell’ordine.

In questo contesto, Montpensier Finance utilizza le catene di routing dei gestori dei conti.

Ordini su OIC

Inoltre, per gli ordini di sottoscrizione o di rimborso di quote e azioni di OIC, che possono essere trasmessi nell’ambito della gestione, la nozione di “miglior risultato possibile” è limitata al fatto che le sottoscrizioni e i rimborsi di quote e azioni di OIC siano effettuati in conformità alle condizioni menzionate nel prospetto informativo di ciascun OIC.

Monitoraggio della politica di selezione

Montpensier Finance controlla regolarmente l’efficacia della sua politica verificando la qualità dell’esecuzione degli intermediari di mercato selezionati e, se necessario, correggendo le eventuali carenze riscontrate.

Montpensier Finance effettua una revisione annuale della sua politica di migliore selezione dei suoi intermediari di mercato e ogni volta si verifica un cambiamento significativo che influisce sulla capacità di continuare ad ottenere il miglior risultato possibile per i suoi clienti. Essa informerà inoltre i propri clienti, con ogni mezzo appropriato, di qualsiasi cambiamento significativo nella sua politica di selezione.

Scarica il rapporto sulle commissioni di intermediazione

Politica ESG

Ai sensi dell’articolo L.533-22-1 del Codice monetario e finanziario francese, si forniscono di seguito le informazioni relative alla considerazione dei criteri relativi al rispetto degli obiettivi di qualità sociale, ambientale e di governance (ESG).

Le informazioni relative ai criteri di conformità agli obiettivi sociali, ambientali e di qualità della governance (ESG) sono disponibili sul sito web della società di gestione a partire dal 1° luglio 2012, nonché nelle relazioni annuali a partire dalla relazione annuale per l’esercizio che inizia il 1° gennaio 2012.

Montpensier Finance è firmataria dei Principi delle Nazioni Unite per l’Investimento Responsabile (PRI).

A tal fine, Montpensier Finance ha attuato diverse misure per adattare i suoi processi di gestione e per attuare processi e un’organizzazione il cui obiettivo è quello di rispettare i Principi di Investimento Responsabile, tenendo conto dei fattori ambientali, sociali e di governance (ESG).

L’approccio ISR di Montpensier Finance è presentato nella pagina dell’ Impegno Responsabile Impegno Responsabile del sito web di Montpensier Finance.

Il rapporto TCFD, in conformità all’articolo 173 della legge di transizione energetica e ambientale applicabile ai fondi, è disponibile sulla pagina dedicata di ciascun fondo.

Inoltre, nell’ambito dell’attuazione del suo approccio ESG, Montpensier Finance ha messo a punto una politica di esclusione che si articola su più livelli, a seconda dell’ambito di applicazione delle esclusioni, per diverse filosofie di gestione.

Politica di impegno degli azionisti - Politica di voto

Ai sensi degli articoli 321-132 e 319-21 del Regolamento Generale dell’AMF Il presente documento presenta le condizioni alle quali Montpensier Finance esercita i diritti di voto connessi ai titoli detenuti dagli OIC che gestisce.

Principi generali

Montpensier Finance considera l’esercizio dei diritti di voto come parte integrante della sua gestione e da esercitarsi nell’interesse dei titolari. La politica dei diritti di voto di Montpensier Finance mira a promuovere la valutazione a lungo termine degli investimenti in OIC. Incoraggia la diffusione delle migliori pratiche di governance e di etica professionale.

1. L’organizzazione dell’esercizio del diritto di voto

I soci amministratori analizzano le delibere e decidono in merito alle votazioni. Le loro decisioni si basano sui principi stabiliti nelle raccomandazioni di corporate governance pubblicate da ISS Governance. Montpensier Finance a souscrit à un abonnement ISS Proxy Research Services, qui fournit une recherche et des recommandations de vote, fondées sur une analyse approfondie, indépendante et objective des résolutions proposées au vote des actionnaires. Les publications ISS Governance sont encadrées par la politique de prévention des risques de conflits d’intérêt mise en place par ISS Governance. Il perimetro di SSI copre tutte le società incluse nei portafogli degli OIC gestiti da Montpensier Finance. La procedura operativa è supportata dal team del Dipartimento Operazioni, che segue l’istituzione depositaria dell’OIC e la ISS Governance. Il team del Dipartimento Operazioni controlla le votazioni delle Assemblee Generali tramite la piattaforma di voto elettronico ProxyExchange di ISS Governance, che riassume tutte le deliberazioni delle Assemblee Generali delle società in cui gli UCI di Montpensier Finance ricoprono cariche. Queste posizioni sono fornite automaticamente dal custode CACEIS.

2. I casi in cui il diritto di voto è o non è esercitato sono i seguenti

I dirigenti eserciteranno i diritti di voto detenuti dagli OIC che gestiscono secondo diversi criteri aggiuntivi e a condizione di aver ricevuto le informazioni necessarie per partecipare al voto. Nell’ambito dell’attuazione dei principi dell’investimento responsabile, si raccomanda che i gestori votino nel maggior numero di riunioni per le quali ritengono di avere le informazioni necessarie per partecipare alla votazione, salvo impossibilità tecniche che impediscano loro di partecipare alla votazione. – Vendita temporanea di titoli I gestori degli OIC di Montpensier Finance non effettuano vendite temporanee di titoli. Nel caso in cui tali operazioni vengano effettuate, si farà il possibile per richiamare i titoli a fini di voto, a condizione che l’accordo di prestito titoli lo consenta e che il richiamo dei titoli non comporti costi per il Comparto che non sarebbero nel migliore interesse del detentore.

3. I principi della politica di voto

Nel rispetto della deontologia professionale, i dirigenti esercitano le loro funzioni in piena indipendenza, in particolare nei confronti degli emittenti, nell’interesse esclusivo dei partecipanti. Per tutti gli scopi pratici, i Manager possono avvalersi della consulenza dell’RCCI, che può fare affidamento, se del caso, sui servizi della ISS Governance. I Presidenti Esecutivi sono particolarmente sensibili alle deliberazioni che possono ledere gli interessi degli azionisti. – Decisioni che comportano una modifica dello Statuto I soci amministratori voteranno contro eventuali modifiche statutarie che, a loro avviso, avrebbero conseguenze sfavorevoli per i soci. – Approvazione del bilancio e destinazione dell’utile I Soci Delegati voteranno contro l’approvazione del bilancio nel caso in cui i Sindaci si rifiutino di certificare il bilancio. I soci amministratori voteranno contro la destinazione dei risultati da essi ritenuti nell’interesse dei soci. – Nomina e revoca degli organi sociali I dirigenti voteranno per la nomina di amministratori indipendenti, liberi da ogni interesse, che ritengono sia nell’interesse degli azionisti. – La pubblicazione di informazioni sui temi ESG Gli Amministratori Delegati voteranno a favore delle iniziative e delle delibere degli azionisti che promuovono la divulgazione di informazioni sulle tematiche ESG. – I cosiddetti accordi regolamentati I soci amministratori voteranno contro l’approvazione di eventuali accordi regolamentati che, a loro avviso, avrebbero conseguenze sfavorevoli per i soci. – I dirigenti voteranno a favore di ogni programma di emissione e di riacquisto di azioni che ritengano sia nell’interesse degli azionisti. – Nomina dei sindaci I dirigenti voteranno contro la nomina dei sindaci la cui nomina, a loro giudizio, non è nell’interesse degli azionisti.

4. Conflitti di interesse

I dirigenti voteranno nell’interesse dei titolari. Se i Gestori individuano un potenziale conflitto di interessi, devono consultarsi con il DCCI prima di votare, al fine di garantire che gli interessi dei detentori di quote dei Comparti siano di primaria importanza.

5. Le modalità di esercizio del diritto di voto

I gestori eserciteranno i diritti di voto connessi alle azioni detenute nei portafogli degli OIC da loro gestiti, privilegiando il voto per corrispondenza. Se partecipano all’Assemblea Generale di persona, si assicureranno di comunicare il loro voto preciso all’Ufficio Operazioni. In questo caso, i responsabili devono contattare preventivamente l’Ufficio Operazioni per ottenere le necessarie tessere d’ingresso. Il voto per delega o per delega al Presidente sarà eccezionale e sarà motivato dai dirigenti e preventivamente approvato dal RCCI. Montpensier Finance mette le informazioni relative all’esercizio del diritto di voto a disposizione di tutti i detentori di quote/azioni di OIC. Quando Montpensier Finance non risponde a una richiesta di informazioni relative alla votazione di una risoluzione, il suo silenzio deve essere interpretato, al termine di un mese, come un’indicazione del fatto che ha votato secondo i principi enunciati nel presente documento di “politica di voto” e le proposte del consiglio di amministrazione o del consiglio di amministrazione della società. Scarica la relazione sull’esercizio del diritto di voto

Politica di impegno degli azionisti - Politica di impegno

Nell’ambito dell’attuazione dei Principi per l’investimento responsabile.

Montpensier Finance mette in atto processi e un’organizzazione il cui obiettivo è quello di rispettare i Principi per l’Investimento Responsabile stabiliti dalle Nazioni Unite.

I Principi delle Nazioni Unite per l’Investimento Responsabile forniscono un quadro internazionale riconosciuto per gli attori finanziari.

Firmando questi principi, Montpensier Finance si impegna pubblicamente, in quanto investitore, ad adottarli e ad applicarli nella misura in cui ciò sia compatibile con le sue responsabilità di gestore. Montpensier Finance si impegna inoltre a valutare l’efficacia e a migliorare il contenuto dei Principi nel tempo. Siamo convinti che questo ci permetterà di rispettare meglio i nostri impegni nei confronti dei beneficiari e di allineare meglio le nostre attività di investimento all’interesse generale.

In questo quadro, Montpensier Finance ha istituito una Politica d’impegno, che si applica alla gestione attiva delle azioni e delle obbligazioni convertibili.

Principi generali

Montpensier Finance considera l’esercizio dei diritti di voto come parte integrante della sua gestione e da esercitarsi nell’interesse dei titolari.

La politica dei diritti di voto di Montpensier Finance mira a promuovere la valutazione a lungo termine degli investimenti in OIC. Incoraggia la diffusione delle migliori pratiche di governance e di etica professionale.

Montpensier Finance completa la sua politica di voto con una politica di impegno.

L’universo delle aziende su cui i manager sono invitati a concentrare il loro approccio di engagement è costituito da aziende con un rating ESG ritenuto insufficiente, o suscettibile di essere esposto a controversie ESG, al fine di incoraggiarle a migliorare le loro pratiche sulle questioni ambientali, sociali e di corporate governance, che sono driver di performance sostenibile.

Approccio di impegno

I team di gestione sono incoraggiati a sollevare qualsiasi questione o argomento di interesse con le aziende nelle loro discussioni, in particolare quando le questioni ESG sembrano essere affrontate o comunicate in modo insufficiente.

I gestori, coadiuvati dall’analista ISR, condurranno un dialogo positivo e costruttivo a medio e lungo termine con le società in portafoglio.

Questo dialogo può assumere diverse forme :

  • Contatti con l’azienda ;
  • Invio delle intenzioni di voto dei dirigenti alla Società prima dell’Assemblea.

CL’obiettivo di questo impegno :

  • Incoraggiare le aziende a implementare un approccio ESG ;
  • Incoraggiare le aziende a comunicare le loro pratiche ESG.

Implementazione

Oltre alle iniziative di engagement che svolgiamo direttamente, di solito con le Piccole e Medie Imprese, partecipiamo alle azioni di engagement collettivo “pool” implementate da ISS nell’ambito del programma ISS Ethix per le Grandi Aziende.

L’approccio di Montpensier Finance si basa su :

  • MSCI ESG Research, per determinare il rating ESG di ;
  • Analisi del team di gestione ;
  • Le raccomandazioni sulla corporate governance pubblicate da ISS Governance, nell’ambito dell’applicazione della politica di voto di Montpensier Finance;
  • Le azioni di impegno collettivo attuate da ISS nell’ambito del programma ISS Ethix

L’approccio implementato viene applicato in modi diversi :

  • Esercitare i nostri diritti di voto tenendo conto dei criteri ESG;
  • Incoraggiare e sostenere le aziende in un approccio ESG più forte.

 

Télécharger la politique d’engagement de Montpensier Finance

Télécharger le rapport annuel sur l’engagement

Politica di gestione dei reclami

Montpensier Finance ha stabilito e mantiene operativa una procedura per la gestione ragionevole e rapida dei reclami dei suoi clienti.

Per qualsiasi reclamo, il cliente può inviare una lettera a Montpensier Finance al seguente indirizzo :

Montpensier Finance
Responsible for Compliance and Internal Control
58 avenue Marceau
75008 Paris

 

Montpensier Finance si impegna, a partire dalla data di ricevimento di qualsiasi reclamo :

  • di accusare ricevuta entro 10 giorni lavorativi, a meno che la risposta stessa non venga data entro tale termine ;
  • di rispondere entro due mesi. Qualora non sia possibile fornire una risposta entro tale termine, il Responsabile della Compliance e del Controllo Interno tiene informato il cliente delle particolari circostanze che comportano un ulteriore tempo di elaborazione.

Il Responsabile della Compliance e del Controllo Interno e il Vice Amministratore Delegato incaricato della gestione operativa sono autorizzati a fornire, gratuitamente e su richiesta, ogni informazione relativa alle procedure per la gestione dei reclami.

In caso di rifiuto o di rifiuto di accettare il reclamo in tutto o in parte, Montpensier Finance fornirà al cliente i dati del mediatore competente, l’Autorité des marchés financiers :

Mediatore dell’AMFA
Autorité des marchés financiers
17, place de la Bourse
75082 Paris cedex 02
Site internet du Médiateur de l’AMF

Informazioni relative alla composizione dell'attivo degli OIC

Montpensier Finance può divulgare informazioni sulla composizione degli attivi degli OIC che gestisce al fine di consentire a taluni investitori, in particolare istituzionali, di rispettare i loro obblighi, come quelli derivanti dalla direttiva 2009/138/CE (Solvibilità II) sulla trasparenza.

Montpensier Finance assicura in anticipo che questi investitori hanno confermato di essere a conoscenza delle disposizioni della posizione DOC-2004-07 pubblicata dall’AMF, “Market timing e pratiche di late trading”, e che hanno messo in atto le procedure necessarie per conformarsi a tali disposizioni, in particolare quelle relative alla gestione delle informazioni sensibili e al divieto di qualsiasi pratica di market timing e di late trading. Le informazioni sono comunicate entro più di 48 ore dalla pubblicazione del valore patrimoniale netto.

Politica retributiva

Montpensier Finance ha aggiornato la sua politica di remunerazione, che è in linea con le disposizioni della Direttiva 2014/91/UE e della Direttiva 2011/61/UE. La politica retributiva di Montpensier Finance mira a promuovere una gestione dei rischi sana ed efficace, compatibile con i profili di rischio degli OIC gestiti. Questo sistema viene messo in atto per garantire il miglior allineamento possibile degli interessi dell’azienda, dei suoi dipendenti e degli abbonati dei veicoli. La politica di remunerazione è inoltre determinata in modo da evitare situazioni di conflitto di interessi e da evitare l’assunzione di rischi sconsiderati o incompatibili con gli interessi dei clienti di Montpensier Finance. Questa politica si applica all’attività di gestione di fondi di investimento alternativi e di OICVM. La politica di remunerazione può essere comunicata gratuitamente in forma cartacea su richiesta alla società di gestione. Scarica la politica di remunerazione

Ricerca di mercato

Montpensier Finance partecipa alle ricerche di mercato solo in casi eccezionali.

Qualsiasi richiesta relativa a una ricerca di mercato deve essere inviata al Dipartimento di Conformità e di Controllo Interno al seguente indirizzo : sondages@montpensier.com

Si prega di non contattare direttamente i dipendenti dell’azienda prima di avere contattato il dipartimento di conformità e controllo internol.